I PERCORSI OFFERTI

 

Fattorie e poderi     -  Percorso A)     -   Percorso B)     -   Percorso C)

         Percorso D)     -    Percorso E)     -    Percorso F)              

 

 

   

 

La Posta Vecchia

 

 

 

 

Il percorso A) consiste nella passeggiata in aperta campagna coltivata a frutteto, ad orto od a piante spontanee: molte varietà entrano nella nostra alimentazione e nella nostra salute.Impariamo a riconoscerne le virtù ed i segreti e l’aiuto che possono darci nella vita quotidiana. Doni semplici, che tante volte ignoriamo, ma che possono essere riscoperti.

Durante la visita gli accompagnatori spiegheranno come i singoli profumi vengano utilizzati nei prodotti usati quotidianamente per esempio perché la menta finisce nel dentifricio o perché l’aloe si usa in cosmetica, non rinnegando così lo sviluppo tecnologico che tanto ha migliorato la nostra vita.

INIZIO                          

 

 

 

 

 

Il percorso C) consiste nella visita alla scuderia dove troveremo il grande amico della civiltà: il cavallo.

Scopriremo come fin dai tempi più remoti abbia portato l’uomo alle grandi conquiste, alle nuove conoscenze, al confronto delle diversità.

Conosceremo ”l’uso” del cavallo.

 

                           INIZIO

 

 

 

Il percorso E) consiste nella conoscenza dei giochi tradizionali attraverso i quali i bisnonni hanno misurato se stessi.

Impariamo ad ascoltare le voci degli animali; a nasconderci e a saltare con la “Campana”.

Il percorso ludico ci farà rivivere la gioia della sana competizione attraverso un modo tutto nuovo, ma vecchi allo stesso tempo, come lo “Spaventapasseri” che cercheremo di costruire insieme, per proteggere il lavoro dei campi.

                           INIZIO

 

 

 

 

 

Il percorso “fattorie e poderi” cerca di sviluppare diverse linee d’approfondimento che possono integrarsi tra loro secondo l’età dei visitatori. Riguardano l’agricoltura, l’allevamento degli animali da cortile, della gastronomia, i giochi, come si realizzavano nel passato, prima della grande industrializzazione.

L’idea per sviluppare queste conoscenze è quella di organizzare una serie di percorsi che siano spunti d’apprendimenti e riflessioni affinché restino vive le tradizioni da cui nasce la civiltà.

Tutto questo perché nessuno “dimentichi ” gli aspetti storici che ci hanno portato nel nuovo millennio, dove il contatto con la natura manca, ma, fortunatamente, comincia a sentirsene il bisogno.

                           INIZIO

 

 

 

 

 

 

 

Il percorso B) consiste nella visita alla stalla che ospita gli animali da cortile: la mucca, le galline, le oche, i maiali, i conigli.

Scopriremo come si nutrono e come “ci” nutrono, quanto siano importanti e come curandoli curiamo noi stessi.

 

INIZIO

 

 

 

 

Il percorso D) consiste nella conoscenza della gastronomia rurale, quella semplice, quella delle cose fatte in casa, insieme: la trasformazione dei prodotti che la natura ci regala, come le conserve, le marmellate e tutto quello che ci porta alle radici.

Lavoriamo insieme la pasta fatta in casa, prepariamo le conserve, trasformiamo i prodotti, uniamo le biodiversità.

INIZIO

 

 

 

 

 

 

Il percorso F) riguarda la possibilità di estendere la visita dalla fattoria anche ad alcuni siti archeologi della civiltà romana, per la presenza a Francolise di alcune ville romane dell’antica Calès e dell’Appia, che potremmo considerare l’autostrada del passato.

 

@

 

 

     

INIZIO